Democrazia e religione

Religioni e democrazia: convivenza possibile? Cronache di Biennale.

Di Giovanna Cipolla

Nei giorni scorsi ha avuto luogo la quinta edizione di Biennale democrazia, manifestazione culturale promossa dalla Città di Torino. In un’atmosfera di modesta partecipazione, gli incontri sono stati numerosi e in diversa misura interessanti.

Tra i più partecipati è stato l’incontro su “Religioni e democrazia” che ha visto dibattere Paolo Flores d’Arcais e Tariq Ramadan, coordinati da Angela La Rotella. Il primo è il “radicalmente ateo” filosofo e direttore della rivista italiana MicroMega. Il secondo è docente di “Studi Islamici Contemporanei” presso l’Università di Oxford ed uno dei più eminenti teologi islamici.

La prima impressione è stata quella che ci fosse un errore nel titolo dell’incontro. La declinazione plurale della parola “religioni” non ha, nei fatti, corrisposto ad una pluralità di sguardi su una molteplicità di fedi. Fatta eccezione per qualche richiamo alla religione cristiana cattolica da parte di Flores d’Arcais, è stato l’Islam il vero protagonista dell’incontro, che avrebbe avuto più senso chiamare “Islam e democrazia”.

Il dibattito si è articolato in tre momenti scanditi dalle tre domande della moderatrice. Insieme al rapporto tra religione e uguaglianza di genere, una delle domande che più hanno impegnato i relatori è stata: in che modo l’Islam può coesistere con i presupposti relativistici della democrazia?

L’intervento di Tariq Ramadan ha sottolineato l’ignorata ma esistente democraticità interna all’Islam e la molteplicità di interpretazioni che lo compongono (responsabili della diversità di outcomes nei diversi paesi). Ha altresì evidenziato come la contraddizione tra Islam e democrazia si manifesti, oggi, nei soli paesi arabi e non in tutti i paesi musulmani (vedi Indonesia).

La risposta di Paolo Flores d’Arcais si è invece imperniata sull’incompatibilità tra democrazia e manipolazione del consenso (che egli rintraccia nella fede religiosa), evidenziando che uno Stato democratico esige l’esclusione di dio dalla vita pubblica per instaurare un dialogo tra le parti che sia basato su argomentazioni razionali e non dogmatiche. Flores d’Arcais ha poi rincarato la dose dicendo che “(…) chi accetta la democrazia deve accettare che la propria fede venga offesa (…)” con esplicito riferimento all’attentato a Charlie Hebdo. La questione è passata sul personale quando Flores d’Arcais ha polemizzato su una dichiarazione rilasciata da Ramadan alla BBC news proprio in occasione dell’attentato.

Nulla che Biennale Democrazia non avesse previsto; come recitava l’opuscolo pubblicitario questo sarebbe stato “(… ) Un confronto senza diplomatismi e di grande spessore argomentativo tra uno dei più eminenti e controversi teologi e pensatori islamici e un filosofo ateo, altrettanto controverso.” E, nella sostanza, lo è stato.

Sulla strada di ritorno, a termine dell’incontro, mi sono tornate in mente le parole di Norberto Bobbio che saggiamente ricordava: “I due mali contro cui la ragione filosofica ha sempre combattuto – e deve combattere ora più che mai – sono, da un lato, il non credere a nulla; dall’altro, la fede cieca”.

The following two tabs change content below.

Giovanna Cipolla

Classe 1993, Acquario, siciliana d’origine e prima di tre fratelli, dopo il diploma mi sono trasferita a Forlì per laurearmi tre anni dopo in Scienze Internazionali e diplomatiche con l’Alma Mater Studiorum di Bologna. Avendo compreso che il mondo della diplomazia non faceva per me, ho deciso di trasferirmi a Torino dove oggi sono post-graduate student in Scienze internazionali con profilo Middle East and North Africa politics. Nello studio del Medio Oriente ho trovato la mia personale quadratura del cerchio. Credo nel Mediterraneo come alternativa al modello Atlantico. Amo dipingere, pensare ed andare in direzione ostinata e contraria. Odio i pregiudizi almeno quanto il formaggio.
1.00 avg. rating (56% score) - 1 vote

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *