“Il Grande Gioco” di Peter Hopkirk: cronaca di avventure e di eroi dimenticati.

Che cosa sia “Il Grande Gioco” di Peter Hopkirk è difficile a dirsi: non è un saggio storico, non è un romanzo, e nemmeno un racconto. Eppure, il libro raccoglie ognuno degli elementi narrativi propri di questi tre generi. È nell’ibrido di elementi che nasce la magia di “una delle letture più appassionanti”, come la definì Umberto Eco, una cronaca narrata attraverso le vicende dei suoi … Continue reading “Il Grande Gioco” di Peter Hopkirk: cronaca di avventure e di eroi dimenticati.

Le mille sfumature dell’occupazione israeliana: il caso AMORO Agricolture

La Jordan Valley, pancia della Palestina, rappresenta il 28.5% della West Bank. Secondo l’accordo ad interim del 1995 circa l’85.5% dell’intera area della Jordan Valley fa parte dell’Area C, ovvero quella zona che in seguito agli Accordi di Oslo ricade sotto l’amministrazione israeliana. Negli ultimi 50 anni Israele ha negato ai Palestinesi l’accesso a più del 75% della valle dichiarando diverse aree “zone militari”, “riserve naturali” … Continue reading Le mille sfumature dell’occupazione israeliana: il caso AMORO Agricolture

Intrighi postelettorali: cosa è successo e cosa potrebbe accadere

Come volevasi dimostrare, il Rosatellum ha mietuto le sue vittime. E cioè, tutti. È proprio il caso di dirlo: Rosatellum 1 – sistema politico 0. D’altronde, queste erano le previsioni sin da quando la nuova legge elettorale era stata approvata. Nessun vincitore, dunque. O forse sì? In effetti, ad uscire trionfanti – trionfanti, non vincitori – da queste elezioni sono stati essenzialmente in due: il … Continue reading Intrighi postelettorali: cosa è successo e cosa potrebbe accadere

L’Iraq alla prova delle elezioni dopo l’ISIS.

L’Iraq, da poco meno di una ventina d’anni a questa parte, è un giocattolo da tirar fuori per soddisfare il nostro endemico bisogno di dare un volto al male. Infatti, seguendo lo schema tracciato da Bauman in “La modernità liquida”, di fronte alle insicurezze proprie della società neoliberale il discorso pubblico viene orientato, attraverso la cosiddetta industria della paura, verso una dimensione reale capace di … Continue reading L’Iraq alla prova delle elezioni dopo l’ISIS.

meloni

Cosa Resterà di Queste Elezioni 2018? I meme

L’unico sollievo a lunghe campagne elettorali con contenuti non esaltanti? Aspettare il genio di qualcuno che, lontano nell’etere, trasformi la foto di un candidato politico in un’autentica opera d’arte contemporanea a 360°: la meme. Per Wikipedia una internet meme (essendo un termine inglese può essere italianizzato usando sia il maschile che il femminile) è “un’idea, stile o azione che si propaga attraverso internet, spesso per … Continue reading Cosa Resterà di Queste Elezioni 2018? I meme

Il Compromesso Storico 2.0 tra M5S e PD è l’unico argine alla destra

La sinistra non è affatto morta dopo queste elezioni, è bene dirlo chiaramente. Ciò che è venuto meno (o quasi) è la rappresentanza in Parlamento di quei partiti che per prassi, per abitudine, per convenzione, venivano collocati nell’alveo del così detto “centro-sinistra”. Non servono le analisi dei flussi elettorali dell’Istituto Cattaneo per certificare che gli elettori tradizionalmente appartenenti a quell’area politica hanno trovato nel M5S il … Continue reading Il Compromesso Storico 2.0 tra M5S e PD è l’unico argine alla destra

Caro amico ti scrivo: il racconto della carriera musicale di Lucio Dalla

Dagli esordi al clarinetto, passando per l’amore per il jazz e alcuni capolavori che si iscrivono di diritto dentro le più belle pagine della canzone cantautoriale italiana, per arrivare al finale di carriera in salsa pop: ripercorriamo i momenti più importanti della vita artistica del grande Lucio Dalla, nel giorno del suo compleanno, il 4 Marzo (1943).   Lucio Dalla nasce a Bologna il 4 Marzo 1943, e già la sua data di nascita sarà destinata ad essere … Continue reading Caro amico ti scrivo: il racconto della carriera musicale di Lucio Dalla

Come si vota alle elezioni politiche del 4 marzo?

Con la nuova legge elettorale votata ad ottobre 2017, il Rosatellum bis, domenica 4 marzo si svolgeranno le elezioni per rinnovare il Parlamento italiano. I seggi rimarranno aperti soltanto domenica, dalle 7 alle 23. Tutti i cittadini che avranno compiuto i 18 anni di età potranno votare per la Camera (scheda gialla) e soltanto chi avrà compiuto 25 anni potrà votare anche per il Senato … Continue reading Come si vota alle elezioni politiche del 4 marzo?

Intervista al costituzionalista: 10 domande sulle elezioni

Paolo Armaroli, classe 1940, è stato per molti anni docente di diritto pubblico comparato e diritto parlamentare presso la Facoltà di Scienze Politiche dell’Università di Genova, nonché Deputato di Alleanza Nazionale nella XIII Legislatura (1996-2001). Durante gli anni di incarico parlamentare, ha fatto parte della Giunta per il regolamento della Camera, della I Commissione (affari costituzionali, della presidenza del consiglio e interni) e della Commissione … Continue reading Intervista al costituzionalista: 10 domande sulle elezioni

Elezioni Politiche 2018. Cosa ci lasciano i sondaggi e come interpretare gli Exit Poll

Manca sempre meno all’election day e lo scenario (stando agli ultimi sondaggi disponibili) appare molto incerto: circa un centinaio di collegi sono ancora contesi per poche migliaia di voti. Il meccanismo con il quale il voto espresso dai cittadini-elettori viene trasformato in seggi sancito dal Rosatellum 2.0 è un mix tra proporzionale e maggioritario. Se davvero il centrodestra non ottenesse la maggioranza, il Governo che … Continue reading Elezioni Politiche 2018. Cosa ci lasciano i sondaggi e come interpretare gli Exit Poll