Rassegna del 20 maggio 2017

Articoli selezionati per approfondimenti e news dalla settimana. Trump told aides firing Flynn was a mistake Macron’s victory brings new hope across Europe on several fronts Sotto il cielo delle donne Russia probe reaches current White House official, people familiar with the case say Independent senator: Impeachment could be considered Election 2017: Labour cuts Conservative lead again, latest poll shows Alla ricerca del Macron italiano? … Continue reading Rassegna del 20 maggio 2017

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn

La Turchia dopo il referendum costituzionale

Di Aglaia Pimazzoni Organizzato da OGR – young researchers’ HUB for social sciences e dalla Fondazione Istituto Piemontese A. Gramsci, giovedì 20 aprile, presso il Polo del ‘900, si è tenuto un incontro per riflettere e discutere insieme sulla situazione politica interna e sul futuro delle relazioni internazionali della Turchia, alla luce dell’esito del referendum costituzionale, tenutosi domenica 16 aprile.  All’incontro, moderato da Edoardo Frezet … Continue reading La Turchia dopo il referendum costituzionale

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn
Gaza Strip

Hamas e il nuovo programma politico. Svolta moderata o semplice pragmatismo?

Di Simone Bonzano L’organizzazione palestinese Hamas, sotto cui ricade il governo della Striscia di Gaza, ha presentato una nuova carta fondamentale, il cui obiettivo è di riformare la posizione politica del movimento, avvicinandosi a quella di Fatah, il partito sotto cui ricadrebbe la giurisdizione della Cisgiordania. Il nuovo “Documento dei principi e politiche generali” – di cui avevamo già parlato in precedenza – è stato … Continue reading Hamas e il nuovo programma politico. Svolta moderata o semplice pragmatismo?

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn

Marine Le Pen, au nom du peuple. Il nuovo volto della speranza europea?

Di Federico Bizzeti Classe 1968, terzogenita del fondatore del Front National Jean-Marie Le Pen, leader del medesimo dal 2011, Marine Le Pen è riuscita a portare un partito, considerato da molti come estremista e marginale, ai primi posti nei sondaggi di gradimento politico. Nonostante le aspre critiche mosse da più parti, proviamo ad analizzare la figura di questo personaggio e il fenomeno sociale che dietro di … Continue reading Marine Le Pen, au nom du peuple. Il nuovo volto della speranza europea?

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn
Macron vs Le Pen

A pochi passi dall’Eliseo. Lo scontro finale tra Macron e Le Pen.

Di Michele Fedele Le elezioni presentano sempre molteplici opzioni fra cui scegliere, ovvero diversi candidati. Ma, anche il giorno stesso dell’elezione ci offre due opzioni: andare a votare o astenersi. In ogni caso si produce un effetto e si ha responsabilità sul risultato finale. I francesi che domenica 23 Aprile hanno deciso di votare hanno scelto di portare al secondo turno delle elezioni presidenziali Emmanuel … Continue reading A pochi passi dall’Eliseo. Lo scontro finale tra Macron e Le Pen.

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn
CEU

Stand with CEU. Le testimonianze di studenti e professori dell’università che non vuole arrendersi all’autoritarismo.

Di Eugenia Nargi Continua la campagna anti-europea del premier ungherese e questa volta a farne le spese è un’Università prestigiosa, aperta all’Europa e alla vita internazionale. Fondata a Budapest nel 1991 dal celebre miliardario George Soros, la CEU (Central European University) è infatti divenuta presto il fiore all’occhiello d’Europa, scalando le classifiche delle migliore università del mondo e guadagnandosi il 42°esimo posto nella World Ranking University … Continue reading Stand with CEU. Le testimonianze di studenti e professori dell’università che non vuole arrendersi all’autoritarismo.

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn

22-28 Aprile 2017

Amman (Giordania), 24 Aprile – Dopo mesi di serrato dibattito il governo giordano vota per l’abolizione dell’articolo 308 del codice penale che prevede il matrimonio riparatore tra stupratore e vittima. Il parlamento libanese, il 15 maggio, dovrebbe votare l’eliminazione dell’equivalente norma del codice penale, l’articolo 522. Per approfondimenti: Al Jazeera: Will Jordan abolish a law that protects rapists? BBC News: Article 308: Jordan to scrap marriage … Continue reading 22-28 Aprile 2017

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn

Sfide e obiettivi della nuova Birmania di Aung San Suu Kyi

Di Roberta Rapagnani A poco più di un anno dall’ascesa della National League for Democracy (NLD), capeggiata dal premio Nobel per la Pace Aung San Suu Kyi, al governo birmano, “the Lady” torna a far parlare di sé. Questa volta non per la lotta pro democrazia e diritti umani nel suo Paese, ma per il colpevole silenzio riguardo le continue atrocità dei militari nei confronti della minoranza … Continue reading Sfide e obiettivi della nuova Birmania di Aung San Suu Kyi

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn

Presidenti della Repubblica francese [INFOGRAFICA]

Per Approfondimenti: Elezioni Presidenziali 2017 Les Présidentes de la République Français Risultati Presidenziali Programma Emmanuel Macron Programma Marine Le Pen La Quinta Repubblica: Charles de Gaulle Georges Pompidou Valéry Giscard d’Estaing François Mitterrand Jacques Chirac Nicolas Sarkozy François Holland Continue reading Presidenti della Repubblica francese [INFOGRAFICA]

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn
Francois Holland lascia l'Eliseo

L’eredità di Hollande. Tra politica estera, insuccessi economici e fine del bipolarismo.

Di Francesco Merlo Dall’Alpi alle Piramidi – Dal Manzanarre al Reno – Di quel securo il fulmine – Tenea dietro al baleno. Se all’indomani della morte di Napoleone, Manzoni descriveva con queste parole l’impatto che ebbe il generale sulla sua epoca, è quantomeno improbabile che qualcuno scriva un poema sul dinamismo o sui successi del presidente francese uscente François Hollande. Salito all’Eliseo nel maggio 2012, Hollande ha fin … Continue reading L’eredità di Hollande. Tra politica estera, insuccessi economici e fine del bipolarismo.

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn